Visualizzazioni totali

mercoledì 3 maggio 2017

BATTIPAGLIA, GRUPPO FEDE E POESIA

NEWS: 

BLOG  10 AGOSTO  2017
News:
La felicità è un equilibrio…
L’arte di saper vivere in armonia con se stesso, con Dio, con gli altri e con il Creato.
Mario Festa

Colleziono sorrisi…

Vi prego regalatemi tanti, tanti sorrisi.

(M. Festa)



 IL PROVERBIO DEL GIORNO:

BLOG 20 AGOSTO 2017
L’amico di tutti non è amico di nessuno.



Blog 11 AGOSTO  2017

L’avarizia comincia dove finisce la povertà.

  LEGGI  L’ARTICOLO:

il poeta Mario Festa canta la donna
  VIDEO/POESIA “IL SENSO DI TE” DI MARIO FESTA
http://www.periodicodaily.com/2017/07/17/il-poeta-mario-festa-canta-la-donna/






BLOG 28 AGOSTO 2017

SOLE DI SICILIA di Linda Stagni

Sole cocente
sull’arsa spiaggia
di sabbia che scotta.
Bagnanti appagati
dall’acqua di mare,
bambini festosi
a piedi nudi a giocare.
Sole ardente di Sicilia,
caldo di terre africane,
pelli abbronzate,
occhiali, cappelli,
belle ragazze sdraiate,
giorni d’estati al mare,
fin quando si può,
tutti da godere.

 LOG   27  AGOSTO  2017
SICILIA di Linda Stagni

Sicilia bella, terra incantata,
io sono tua figlia, e da tanto ti ho lasciata.
L’odore del tuo mare, ogni momento,
mi nasce nel cuore, nel ricordo.
Ho vagato lungo tempo
da te lontana,
ma in ogni luogo in cui sono stata,
la luce del tuo sole, non l’ho mai trovata.
Dovunque ho cercato il suo calore,
il cielo su me non aveva colore.
Il grigio dominava
e la salsedine sulla pelle mi mancava.
Piccola isola sei uno splendore,
nessuna perla ha la tua luce,
chi ti vede non ti vuol lasciare
e torna al suo paese
portandoti nel cuore.


 A MESSINA
di Linda Stagni

Sono ancora qui, come ogni Natale,
questa volta però non è uguale,
perché il mio amore
non è qui con me.
Noi da anni, emigrati aspettavamo il Natale
per tornare a contemplare
le naturali bellezze di questa città.
Il colore del mare, protetto da Cariddi e Scilla,
lo splendore del sole,
rendono quest’isola come un diamante
che da lontano brilla.
La prima cosa a cui non si poteva rinunciare,
era l’arancina e poi
sedersi a Cristo Re su una panchina.
Sognavamo un giorno di tornare a goderti
nella tranquilla vecchiaia,
ma non siamo padroni
del nostro destino.
Io seduta qui,
sento il mio grande amore vicino,
e l’unica cosa che chiederei,
è addormentarmi per sempre,
con la faccia sul suo petto,
con gli occhi pieni della vista del mio stretto.



VIDEO: 

"Sole splendente" - Alba sullo Stretto di Messina - Timelapse


https://www.youtube.com/watch?v=F0jWSWaDSRM

https://www.youtube.com/watch?v=i7Qisv8DAYg


VIDEO: ARANCINA ALLA MESSINESE


22 ag   



ATTIMI DI PACE   (dedicata ad OGLIASTRO Cilento,
                                  spettacolare paese, in cui mi sono recato, quotidianamente, dal
                                 1982 al 2006, per svolgere  l’attività di docente, presso la scuola
                                  media, “P. Visconti”).           
                                
                                            


Lascio la città,
m’immergo
in un mare di verde,
in un silenzio,
rotto solo dal melodioso
canto degli uccelli.
Respiro la campagna
con i suoi inusitati
pungenti odori.
Il sole in ciel,
fa festa,
con i suoi raggi mi veste.
Colori
di meravigliosi fiori,
piacevolmente,
catturano lo sguardo mio.
L’aria odorosa blandisce
il mio viso,
mi sento in paradiso.
Che pace! Che pace!
Non penso ai problemi,
finalmente sono sereno.
Che bello! Che bello!

MARIO FESTA



IL CANTO DELL’ESTATE
di Fulvia Marconi - Ancona

E languida l’aurora
asperge la rugiada
sui campi e i gelsomini
nel canto dell’estate.
Levarsi di colombe
tra cirri addormentati,
tra foglie sempre verdi,
tra il dolce delle more.
Sta gocciolando il sole
in teneri bagliori
e il vento muove l’ore
nel suo vagare incerto.
Papaveri arrossanti
il grano, nel furore
di spighe rigogliose
dall’ imperiale ardore.
Respiro che respira
di fremiti e di vita,
di zolle e pur d’aratro,
di rose e di farina.
Con fare malizioso
la sera avvolge d’ombra
la terra e l’infinito,
stringendo il tutto e il nulla.
Galoppa nella notte
il caldo dell’estate,
mentre falene sperse
ricercano la luce.
E nel respiro antico
della stagione calda,
la quiete del silenzio
…in quel delirio esulta.




    ……da TELEDIOCESI




 

FEDE e POESIA

30 gennaio 2016 | Archviato in: Dalla provincia,In evidenza | Scritto da: Patrizia De Mascellis | Versione stampabile Versione stampabile
 Contribuire, attraverso la poesia, alla rinascita della nostra società, che vive una profonda crisi economica, politica e di valori. Questa la finalità del progetto “Fede e Poesia” ideato dai poeti Linda Stagni e Mario Festa che hanno deciso di dar vita al gruppo per favorire la divulgazione della poesia etico – religiosa.
“I poeti di “buona volontà” – spiegano i promotori-che desiderano con la poesia contribuire alla “costruzione di un uomo nuovo” per favorire la rinascita della nostra società, possono aderire al gruppo “FEDE E POESIA” con liriche che dedichino particolare attenzione alla famiglia cellula 
BLOG 20 SETTEMBRE 2017
Il rispetto per la vita di Maddalena De Fazio
La sua mano ti accarezza.
La sua bocca ti sussurra parole d’amore.
Il suo orecchio ti ascolta
quando torni stanco dal lavoro.
I suoi occhi leggono, nei tuoi , gioia
preoccupazione, felicità e dolore.
L’amore è vita, non è morte.
L’amore è gioia, non è distruzione.
L’amore è condivisione, non è egoismo.
E se l’amore finisce non può e non deve finire
anche una vita.
Il rispetto per la vita non finisce mai.
                                               Maddalena De Fazio





BLOG 11 SETTEMBRE 2017


O Angelo
O Angelo, amico invisibile,
la mia mano non tentenna nella tua
lungo l'inerpicoso sentiero dei miei giorni.
Guardia e custode, senza elmo né armi,
la tua forza è nelle mie preghiere.
Mi doni un quotidiano sorriso,
il calore per una carezza mancata,
la forza per una pena non attesa,
il coraggio per una gioia perduta.
Sei una rete nelle mie cadute,
un appiglio per le risalite.
Luce nella cupa sera dell'ultima ora,
in te fido e confido,
per volare leggera, quando la mia vita sarà finita.

Maria Paraggio 



BLOG 30 AGOSTO 2017

Vogliam l’Italia del Risorgimentod
di Francesco Mulè


Vogliam l’Italia del Risorgimento
che abbiam da sangue umano ereditato:
fu lungo e travagliato quel Momento,
ma l’Unità il Paese ha guadagnato.

Il Tricolore esposto al dolce vento
mostrava inorgoglito il nuovo Stato;
era un Paese libero e redento
dal figlio d’ogni madre assassinato.

Quell’inno di Mameli si cantava
con l’innocenza fresca d’un bambino;
l’Italia dal letargo si “destava”,

cambiando in positivo il suo destino.
Nessuno a quest’Italia allor pensava:
derisa e zoppa… triste il suo cammino!

Che vedo da vicino?
Uno stivale liso… vilipeso…
Il buon orecchio avrà di certo inteso.

Oggi dal grave peso
Uniti ti vogliamo liberare:
“Grande Nazione” ti vogliam chiamare!


Vallecrosia, 02 marzo 2011 – 18,23
  

BLOG 28 LUGGLIO 2017


INNO ALL’AMORE
Francesco Mule’ - Vallecrosia
Mi sento dall’amore conquistato,
per esso, posso dire, sono nato;
mi batte sempre il cuore a mille all’ora,
il ciel di rosso vivo si colora.
Amor che in petto sta trasporta luce,
più in alto ancor del sole l’uom conduce;
salute ad esso porta e pur salvezza
ché forte va d’eterna giovinezza.
Amor che ti possiede dà coraggio
e t’apre al mondo come un fior di maggio;
per chicchessia non provi alcun rancore,
risiede gioia in te, giammai dolore.
Fur grandi quei poeti che han cantato
l’amor che per la donna ha immortalato:
bontà, dolcezza, bella pur d’aspetto
tanta eleganza e singolare affetto.
L’amor m’ha preso pel gentile sesso,
tutte le forze per tenerlo ho messo;
ma che fortuna amar la propria donna,
ché in lei si mira sempre la Madonna! 


  




BLOG 8 MAGGIO 2017





NEWS:

LEGGI ARTICOLO SU RADIOERACLEA

http://radioeraclea.blogspot.it/2017/06/battipaglia-successo-per-la-videopoesia.htmllunedì 26 giugno 2017



IL SENSO DI TE
di Mario Festa

C’è in me
qualcosa che
non riesco a definire.
E’ cielo,
sinfonia dell’immenso,
profumo di primavera,
musica, poesia?...
Non so!
Posso, però, dire
che è qualcosa di grande,
che è qualcosa che sa d’infinito,
qualcosa che dà “vita” alla vita.
E’ il senso di te.


 “IL SENSO DI TE”, di Mario Festa, tratta dal libro “Coloriamo la Vita”.
Primo posto alla IX Edizione del “Premio Internazionale A Grassi”,
indetto dall’      Accademia Grassi” - Salerno
VOCE NARRANTE: Linda Stagni
REGIA: Antonio Strigari

Il video è pubblicato sul seguente Link
https://youtu.be/igrmc5m9e-I

Il senso di te”
La lirica "Il senso di te" vincitrice della IX Edizione del Premio Internazionale "Alfonso Grassi",  indetto dell'Accademia di Arte e Cultura -  Salerno, racchiude un profondo e dolce tormento, come solo l'incanto verso la magnificenza di una donna può evocare e tessere quell'eterno filo di emozioni che aggroviglia il cuore dell'autore  di un abbagliante stupore.
Attraverso uno stile distinto e dall'inconfondibile raffinatezza, il poeta Mario Festa, plasma in questo suo componimento versi intensi e corposi tali da rendere palpabile, un suo improvviso e vigoroso risentire la vita, riaffiorano nuovi profumi, nuove sensazioni   che accoglie con grazia, come  fossero primi boccioli a primavera. Con grande solennità, invoca arditamente al suo animo, di rovistare nel suo groviglio emozionale, affinché dia corpo a queste magiche sensazioni amorfe, melodiche e immense, come l'infinito, che pervade i suoi sensi.
 Ma cosa rappresenta “lei" ?
"Qualcosa che dà vita alla vita!" Espressione questa, con cui incornicia e chiude straordinariamente la lirica, librando il suo animo sensibile e in cui  celebra e  coglie  il senso più pieno e più profondo di" lei".
Immediata e contagiosa l'emotività, con cui il poeta coinvolge il lettore in questa sua implosione di nuove e vitali sensazioni, che instillano nei cuori  una raggiante trepidazione e nutrono i sensi di un'autentica stupefazione.
--
Recensione a cura di GIOVANNA DANIELE, Responsabile delle recensioni del Blog “Progetto d’Amore”: www.mariofestapoeta.blogspot.com


attipaglia,La  poesi  "RESPIRAMI” di Mario Festa diventa Video
Leggi articolo
Visualizza video
http://www.periodicodaily.com/2017/05/08/la-poesia-respirami-di-mario-festa-diventa-video/


BLOG 11 MAGGIO 2017

RESPIRAMI di Mario Festa
Recensione a cura della poetessa Linda Stagni

L’animo del poeta Mario Festa, in questa bellissima poesia, RESPIRAMI, che è più di un canto d’amore,  si sofferma sulla dolcezza della sua donna ideale, ne decanta le doti umane, la limpidezza dello sguardo e i modi gentili, la vede camminare
tra la gente che ammira il suo modo semplice di vestire, mai scomposta, mai vistosa ma elegantemente raffinata.
Il sogno più grande, nel cuore del poeta, è quello di essere per lei indispensabile come l’aria, pertanto nel suo più profondo e delicato anelito l’unica cosa che chiede alla sua amata è  “RESPIRAMI”perché vorrebbe essere per lei ciò che la tiene in vita … l’aria.
La limpidezza del pensiero e  la sua purezza fioriscono nei versi del poeta mostrando tutto il suo modo romantico di vedere la figura femminile con gli occhi dell’amore.
Linda Stagni


COME È NATA LA MUSICA DI “RESPIRAMI”
POETI PER UNA NUOVA UMANITA'


GRUPPO "FEDE E POESIA",  IDEATO DA LINDA STAGNI 


E MARIO FESTA



DANIELE GIOVANNA
di  San Sosti (CS)

LA NUOVA GUERRA

Avrò memoria di voi tutti
come effigie dolenti
avvolti da sudari inclementi.

Strisceranno le vostre afflizioni
sulla mia agghiacciata pelle
le porterò sul mio petto
come vecchi medaglioni
in segno di lutto
in questo tempo consunto
da iracondi esseri
da aride mani
che impugnano il nome di un Dio
profanando
sacralità e libertà.

E' un rogo di giorni
in cui arde il sangue innocente
di sperduta gente e
incenerisce la nevrosi umana
col suo impunito manto
ricopre di  morte
mari e terre di ogni patria .

Mai potranno le mie mani
congiunte in preghiera
saziarsi di giustizia.

Innanzi a così tanta ferocia
la natura inorridisce
pare trasudare il suo sgomento
per non incancrenire le sue membrane
ed attende nuove acque
ed io una nuova terra
che odori
di pace e santità.

   

BLOG 24 MAGGIO 2017


"Con gli occhi di un bambino"
di Maddalena De Fazio – San Giorgio a Cremano (NA)
Con gli occhi di un bambino
guardo il sole
quando dona luce e calore.
Con gli occhi di un bambino
guardo il mare,
il mormorio delle onde fa sognare.
Con gli occhi di un bambino
guardo il cielo
quando è limpido,azzurro e senza veli.
Con gli occhi di un bambino
guardo un fiore
quando nasce senza far rumore.
Con gli occhi di un bambino
guardo il mondo
scoprendone le gioie nascoste in fondo.
Negli occhi di un bambino
io ritrovo
l'innocenza, il candor ed una forza nuova.
 Maddalena De Fazio


RECENSIONE :
  "Con gli occhi di un bambino"
a  cura di Giovanna Daniele, San Sosti (CS) – Responsabile delle
recensioni  del blog: Progetto d’Amore

"Quale scrigno può contenere il senso delle meraviglie se non negli occhi di un bambino".
Nel componimento "Con gli occhi di un bambino "la poetessa De Fazio, ripercorre con versi profumati e distillati i "sentieri della meraviglia".
Con profondo colorismo, dipinge tutto ciò che la circonda dal mormorio delle onde del mare al silenzioso sbocciare di un fiore alla scoperta di nuove gioie.
Abbigliando i suoi occhi di un candore innocente e di una luce irideggiante, quella stessa luce che si ritrova incastonata solo negli occhi di un bambino con la quale la poetessa raccoglie l' essenza piena in ogni elemento della natura.
Un ringraziamento alla poetessa che rinnova in noi la visione e le sensazioni che suscita il creato elevando i nostri spiriti di nuova forza e stupore.-



  
  

http://www.emmegiischia.com/wordpress/scrittori/mario-festaBLOG 3 settembre 2017


CHIARA E FRANCESCO di Fulvia Marconi - Ancona

E stelle belle a luccicar negli occhi
e pari alle carezze i tuoi pensieri,
le trecce bionde, scese sulle spalle,
a incorniciare un viso di bambina.
Ed io,
nel ringraziare il ciel per tua bellezza,
con sguardi fieri esprimo il mio silenzio:
silenzio fatto dell’amore vero
per chi chiede purezza alla sua vita.
Respiro lievemente il tuo profumo
che mi ricorda glicini e giunchiglie;
anima tua in volo con la mia
vestite di coraggio e fedeltà.
Chiara, più chiara d’ogni luce chiara,
luce più luce di qualsiasi luce.
A piedi scalzi salgo pei declivi
e rovi e pruni piagano le carni.
Sora colomba a te concede l’ali
per valicare l’occidente e il sole.
Tu, casta ancella di chi soffre e pena,
mite cerbiatto a pascolar nel cuore.
Oh! Come sembra fresca la tua mano
devota amica e difensora in Cristo.
Chi dell’amore vive… amor raccoglie,
chi nella fede muore acquista il cielo.
Quando della mia fine verrà giorno
e quella stella a destra brillerà,
offri al Signore solo una preghiera,
Lui sorridendo, certo, capirà!
E quando udrai, nella penombra, il canto
d’una colomba che s’involerà,
apri la finestrella e porgi il palmo,
lei, volteggiando… ci si poserà.-
------------------

.
MARIA, MADRE NOSTRA
di Linda Stagni – Battipaglia

Maria, madre nostra,
Figlia del Padre,
Madre del Figlio,
Sposa dello Spirito Santo,
Tu sei speranza
e rifugio per noi esuli.
Sotto il Tuo manto,
o Madre,
proteggici dagli attacchi
del maligno,
così un giorno potremo,
se ne saremo degni,
riunirci lassù,
nel Tuo seno, insieme


al misericordioso  Gesù.                   

VERGINE SANTA
Di Mario Festa

Vergine Santa,
sostienimi,
non lasciarmi precipitare
negli abissi esistenziali,
aiutami a scegliere
sempre l’amore,
a dire no
all’odio, all’invidia,
ai mondani piaceri,
dammi la forza
di camminare sempre nella fede
e di perdonare i nemici…
Col Tuo splendore
guidami sempre verso il bene
Vergine Santa,
dolce Madre misericordiosa,
non abbandonarmi
nell’ora del dolore,
prega per me Gesù.
Sempre Ti loderò.


BLOG 3 MAGGIO 2017

COME CERCHI NELL’ACQUA
di Linda Stagni – Battipaglia /SA)

Come un sasso
nella tacita acqua
di uno stagno, genera
uno dopo l’altro,
cerchi sempre più grandi,
così nel nostro cuore
gettando un piccolo seme d’amore,
giungerà a chi è vicino,
poi un po’ più lontano,
fino ad abbracciare tutti i fratelli
ai confini del mondo,
senza distinzione di razza e di colore,
per poterci prendere tutti per mano.



SENZA DIO
di Mario Festa – Battipaglia SA)

Senza Dio,
avanzano gli umani deserti,
c’è un vuoto,
che non si riempie,
scende la notte desolante,
inaridisce il cuore,
non genera amore,
divampa il fuoco dell’odio.
Senza Dio,
nasce la confusione,
la vita è disperazione,
non c’è futuro,
tutto si perde,

LA VIA DEL PERDONO

DANIELE GIOVANNA
San Sosti  Cosenza

Com’è … impervia la via del perdono
come un incendio alacre
divampa tra le membrane
dei miei temprati passi …
ma io camminerò e mi fermerò
dinanzi a colui
che mi chiederà pane per sfamare
la sua ira
e dalle mie stesse mani
mangerà la sua clemenza.
Ma io camminerò e mi fermerò
dinanzi a colui
che m’implorerà acqua per dissetare
la sua sete
e dalle mie stesse mani
berrà la sua indulgenza.
Ma io camminerò e mi fermerò
dinanzi a colui
che m’invocherà perdono per prosciogliere
il suo peccato
e dalla mia stessa anima
solleverà la sua sentenza.
Camminerò e mi fermerò
per dare e per amare
colui che perdonerò
sarà colui che mi libererà …
nulla possiede l’amore
se non la libertà.

  
Resurrezione 

16/3/1966

Esulti tanto in questo dì ogni cuore
e riapra le sue porte a un ciel di pace;
è sorto sì glorioso il Redentore,
è sorto il Ben sul mal ch’ognor soggiace.
Annunci al mondo intero oggi la Chiesa
il trionfo suo, la sua più grande festa
e le campane squillino a distesa,
cacciando il tentator in prigion mesta.
Si sente pur degli angeli il bel coro
che formano scendendo a noi dal cielo;
i riccioletti portan color d’oro,
sugli omeri sta posto un niveo velo.
Al coro lor si mischi il nostro canto
che svegli chi finor non s’è destato
e sia ad ognuno onor, ricchezza e vanto
allor che il male avrà da sé cacciato.
Sorgete: al ciel lo sguardo ognor levate!
È sorto il Signor nostro tutto lieto;
a Lui sì fiduciosi v’ammirate
e il dì vivrete voi cotanto cheto.
Sì nere nubi ha già fugato il sole,
si desta al suo apparire la natura;
sospiran pur le nostre belle viole
ché un’aria lor respirano più pura.
Volan pel ciel sì vaghe rondinelle
dicendo a tutti: “Il Redentore è sorto”;
e la novella spargono tra quelle
aride terre ove lo spirto è morto.
Vedete quanta immensità di bene
e quanto amore irradia il volto tutto.
Ci dice: “Scorra rosso per le vene
quel sangue che testé sapea di lutto”.
La pace e non l’abominata guerra,
perdòno e non l’orribile vendetta,
amor, non odio immenso in questa terra;
ciascuno all’altro mostri la via retta.
Correte voi e ditelo alla gente
che non ha fede in Lui ch’è nostro Padre;
correte e fate voi che finalmente
venga a saperlo la sua mesta Madre.
Che sia un ricordo gaio questo giorno,
che possa nel futuro rassodare
l’animo umano di mollezze adorno
e possa il lume accorto a Te levare!
Signor, sta’ a noi, com’oggi, sì vicino
e il frodator di Bene da te scaccia!
Signore, a ognuno mostra il tuo cammino
che devii dalla terra e da minaccia!
Diciamo al trionfatore nostro: “Evviva!
Del cor degli angel parte noi faremo;
abbiamo in Lui la fede sempre viva,
giammai si perirà, ma ognor vivremo!”

Cattolica Eraclea, 16/3/1966 – ore 23,36

Francesco Mulè – Vallecrosia (IM)















Nessun commento:

Posta un commento